Djamaa el Djazair l'edificio più alto in Africa con il minareto più alto al mondo 270 metri
Djamaa el Djazair
Djamaa el Djazair
Djamaa el Djazair
Djamaa el Djazair
Djamaa el Djazair l'edificio più alto in Africa con il minareto più alto al mondo 270 metri
Djamaa el Djazair
Djamaa el Djazair
Djamaa el Djazair
Djamaa el Djazair
Djamaa el Djazair
Djamaa el Djazair
Djamaa el Djazair
Djamaa el Djazair
Djamaa el Djazair
Djamaa el Djazair
Djamaa el Djazair
Djamaa el Djazair
Djamaa el Djazair
Djamaa el Djazair
Djamaa el Djazair
Djamaa el Djazair
Djamaa el Djazair
Djamaa el Djazair
Djamaa el Djazair
Djamaa el Djazair

" Djamaa el Djazair" Moschea di Algeria e la moschea più grande in Africa e la terza più grande al mondo dopo "Masjid al-Haram" della Mecca e "Masjid al-Nabawi" di Medina con una superficie di 20 ettari, può accogliere 120.000 fedeli. Il suo minareto di 270 metri e il più alto del mondo.

La sala preghiera può ospitare 35.000 credenti e l'intera struttura offre spazio a 120.000 visitatori al giorno.

Un centro religioso e culturale dotato di una sala conferenze, una biblioteca, edifici commerciali, un ristorante, una scuola coranica internazionale con edifici universitari affiliati. Il minareto ospita un museo per l'arte e la storia islamica.

Un parcheggio sotterrano con una capacità di 7.000 auto e annessi dedicati alla sicurezza e alla manutenzione dell'edificio e dei suoi occupanti.

Come riflesso del paradiso descritto nel Corano, i giardini tradizionali e la diversità della natura costituiscono la base del progetto.

Seguendo la tradizione islamica, l'acqua, il simbolo della vita e emblema della purezza e della misericordia, diventerà un elemento centrale dei giardini. Le aree aperte svolgeranno diverse funzioni: come parti del complesso religioso creano una struttura per la rete di percorsi tra le diverse aree di utilizzo, mentre servono come luoghi attraenti dove stare e ritirarsi, offrendo ombra e relax. Le linee di fuga degli edifici e dei loro accessi sono gli elementi testuali dei giardini.

La passeggiata principale, l'Ax Sud, corre a sud della moschea e conduce all'ingresso principale della sala di preghiera (Salle de Prière) sul lato est del complesso di edifici. Questo asse di sentieri è fiancheggiato da alberi ombrosi e accompagnato da un corso d'acqua. Vicino alla Salle de Prière, l'Ax Nord continuerà con un muro d'acqua alto 4,5 metri (Mur d'Eau). Altri elementi chiave del design del paesaggio includono giardini e acqua a fioritura rampante.

Il lato ovest della struttura presenta giardini di forma architettonica (Jardins Islamiques). Lo spazio esterno è modellato da siepi tagliate modellate su classici ornamenti islamici del Nord Africa, mentre i giardini sono conditi da cespugli fioriti. In un dialogo con l'architettura, lo spazio è organizzato da questi tradizionali giardini siepi islamici. Piazze pavimentate (Luoghi Intermédiaires) si aprono tra i singoli giardini, collegati con la moschea da una rete di sentieri. Con la loro struttura chiara di spazi in sequenza, queste piazze, arredate con alberi e siepi, controbilanciano la diversità dei giardini sontuosamente piantati.

Nella sezione orientale del sito, l'architettura dei giardini islamici lascia il posto a un parco aperto e senza intoppi. È modellato sui principi di base dei giardini paesaggistici europei classici. La transizione tra queste due diverse aree del giardino è contrassegnata dai "Giardini Segreti". Integrato nel muro dell'Ax Sud, scale di grandi dimensioni conducono ad una terrazza che ospita i Giardini Segreti.

La piazza centrale rialzata è dominata da due rettangoli di alberi e un laghetto che è l'origine di tutti gli acquedotti. Dietro di esso, ci sono ampi letti piantati con arbusti e erbe dai colori vivaci. Il livello del parco che scende verso la terrazza è delimitato da muri di sostegno. La strada dalla terrazza conduce attraverso una scala verso il livello del parco aperto. Gli ampi viali da giardino curvi con ampi alberi e giardini di fiori selvatici intervallati sono un posto meraviglioso per passeggiare e fermarsi. Mescolando gli spazi aperti in una rigida griglia di percorsi e piazze, il design risponde alla sfida di rispettare e fondere usi religiosi, culturali e sociali. Questi spazi aperti consentono a individui e collettivi di identificarsi con questi "spazi sacri" accanto alla posizione centrale della moschea. Questo crea spazi in cui interessi e requisiti completamente diversi sono integrati e connessi.

Reference Rainer schmidt